Email:

Telefono:

Tel:0541 626370 / 626798

User Login Login:

WMesh: Continua la ricognizione per il monitoraggio del fondale

Nel nuovo approfondimento riportiamo la relazione sul monitoraggio topografico/ batimetrico del tratto di fondale interessato dalla posa effettuata nell'inverno 2020.

Nel nuovo approfondimento riportiamo la relazione sul monitoraggio topografico/ batimetrico del tratto di fondale interessato dalla posa effettuata nell'inverno 2020.


Considerazioni sui rilievi effettuati

La sessione di rilevamento batimetrico è stata confrontata con quella effettuata il 09/10/2020 (ultimo rilievo post opera), che riguardava la medesima area. Il rilievo batimetrico di ottobre 2020 è stato attuato nelle stesse modalità del rilievo di prima pianta e calcolato nel medesimo inquadramento topo - cartografico.
Tramite lo sviluppo del profilo longitudinale e soprattutto delle cinque sezioni prodotte, è possibile valutare l'effetto dell'opera ad oggi sul fondale, in riferimento al rilevamento di prima pianta effettuato nell'ottobre 2019, al rilevamento as built di giugno 2020, al precedente monitoraggio di ottobre 2020, confrontando i vari elaborati consegnati.
In termini di variazione morfologica nel tempo dell'area in indagine, considerate le elaborazioni disponibili si può osservare che:
1. La struttura Wmesh dello sviluppo di 96 metri circa, distante dalla attuale linea di costa 227,22 m (alla sua posizione mediana), è ancora ancorata stabilmente al fondale in posizione eretta; le quote misurate direttamente in sommità non hanno sùbito variazioni. La barriera è risultata visibile dalla superficie date le condizioni meteomarine e di visibilità ottimali. Appare già incrostata da organismi bentonici ed alghe.
2. Il piede della struttura Wmesh è stabilmente appoggiato sul fondo; il canale che si era formato immediatamente sul lato terra della barriera per effetto delle correnti e del moto ondoso, già accertato nei sopralluoghi precedenti, risulta stabile e non presenta incrementi (semmai un leggero riempimento).
3. I fondali posti a monte della barriera ed in generali quelli circostanti, non risentono di particolari o significative variazioni in pendenza e quota batimetrica.
4. La linea di costa è arretrata in maniera limitata rispetto all'intervento di monitoraggio precedente, per effetto dei movimenti terra effettuati prima dell'inverno a costituire le dune di protezione sull'arenile. Tuttavia, rimane stabile rispetto a quella documentata dall'ortofotocarta AGEA 2011

Ricognizione 01

Situazione barriera a confronto OTT 2020 - MAR 2021 lato nord Ravenna

Considerazioni sulle ultime immersioni

A seguito del rilievo tecnico sopra descritto sono state effettuate anche immersioni nel primi giorni del mese di Maggio 2021 ed è evidente che le barriere WMesh trattengono sabbia.
A 2/3 metri dal basamento che è a raso e in alcuni punti coperto, parte un accumulo che va dagli 80 cm al metro che prosegue regolare per molto, sia verso terra che verso mare, leggermente di più verso mare.
Il basamento della struttura si trova a tre metri di profondità, e, se ci si allontana di 2/3 metri la profondità diventa 2 metri per un lungo tratto. Segue il video di Aprile 2021 .

Per Informazioni scrivere a info@edilimpianti.it oppure compilare il seguente modulo. I campi contrassegnati da (*) sono obbligatori.

(*) Ho letto integralmente da questo indirizzo l'Informativa sulla Privacy; consento quindi al Trattamento dei Dati Personali ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. 196/2003.

caricamento

Attendere Prego...